username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Fiorella Cappelli

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Fiorella Cappelli

  • 26 luglio alle ore 13:18
    Poeta Tu (Strofe Saffica)

    Poeta tu, maestro di parole
    riflesse su frammenti di cristallo
    fatte volare da anima che duole,
    restano in stallo.
     
    Sei grande quando cerchi di capire
    profondità di sguardi innamorati
    di sogni umani per poter gioire...
    d'ilari fati.
     
    Respiri vento fresco, la sua brezza
    metriche e rime componi, fecondo.
    Nei versi tuoi lieve è la carezza.
    Valuti il mondo!
    26.07.2017

  • 24 luglio alle ore 18:51
    Du' Quartine e du' terzine

    Se scrivo scrivo quelo ch'io penso
    a vorte suggerito da n'amico
    magara da 'na foto... mo ve dico...
    purché sur fojo er verso ciabbia 'n senso:
     
    mo du' quartine, fanno 'na fojetta (1)
    e mezzo litro de sicuro, bevi...
    ma "solo" mica poi e mica devi
    che ciai l'amichi puro su la vetta!
     
    Doppo magnato poi... nun t'acciuccà(2)
    co' du terzine ce viè 'n ber caffé
    du legni pe' 'n ber foco d'appiccià (3)
     
    'na braciolata d'estate ce stà
    da fa' a casa, ner bosco nun va be'
    che l'acqua poi.. ando' la vai a trovà?
    24.07.2017
    (1) Fojetta = mezzo litro
    (2) Acciuccà = ubriacà

    (3) Appiccià = accendere

     

  • 22 luglio alle ore 20:10
    Perditi Sguardo

    Perditi, sguardo! Dalla cima amata
    rimiro, osservo silenzioso in tondo
    respiro l'aria fine e fino in fondo.
    Breve saluto, muore la giornata.
     
    Fa capolino il sole e s'accomiata
    declina l'astro d'oro sullo sfondo
    questo richiamo al quale già rispondo
    immortalando il rovo, la sua arcata...
     
    Dallo Scalambra cerco la mia mèta
    tinte d'arancio, fulgidi bagliori
    tutto sopisce, il vento anche s'acqueta.
     
    Scaglie dorate, cirri tutt'intorno
    vicini al cielo, forse,  si è migliori
    domani è un'altra vita, un altro giorno...
    22.07.2017
    Da una libera ispirazione di una foto:

     "Tramonto dallo Scalambra", di Pancrazio Delli Ponti.

     

  • 09 luglio alle ore 15:05
    Funtanelle Romane

    È Roma, co' millanta funtanelle
    a rinfrescacce quanno c'è calura
    quanno c'encoccia er sole e pe' natura
    grondamo cor sudore su la pelle
     
    e ce n'è una, che cià tre cannelle
    che dà er nome a la via, ch'è antica e scura
    'na larga scalinata tra le mura...
    n'acqua Felice, tra le madonnelle!
     
    De ghisa, "ammodernata", sta' in salita
    nemmeno li romani ce lo sanno...
    stà a ricordacce quela ch'è sparita.
     
    È nel Rione Trevi, er seconno,
    li forastieri  è un  caso che ce vanno...
    vanno a cercà quela famosa ar monno!
     
    (E puro sì 'sta povera funtana
    resta anniscosta, ammetto...
    è servita a me, co' pochi versi
    a favvela conosce co' un sonetto!)

  • 06 febbraio 2016 alle ore 14:07
    Kira

    Manca
    il tuo sguardo d'amore
    all'intesa che univa.
    Percepita nel vento
    la libera corsa
    tra ampi spazi dei campi
    e zolle, ricalcate di brina
    tra spini, tra rovi di more
    e asparagi appena sbocciati
    tra solchi di fossi melmosi
    e spari lontani.
    Compagna fedele di lunghi silenzi.
    M'avvolge e addolora il ricordo
    di gelide aurore e calde carezze
    di anni di vita, di tozzi di pane raffermo
    e pindarici voli dolenti.
    Guaiti venuti alla luce.
    Regina felice
    tra batuffoli ignavi,
    raccolti da mani tremanti...
    Impegno costante, fedele
    ed ora sospiro interrotto nel tempo.
    La mano si tende
    e nell'aria ora mima...
    carezze per te.
     
    Dedicata a Kira, venuta a mancare il 3.2.2016

  • 17 ottobre 2015 alle ore 22:01
    Dalla Vetta al Sottobosco

    I monti Ernici in bella vista
    delimitati a Nord e si conviene...
    tra Cantari e Valle dell'Aniene
    ad Est la Valle dell'Iri, non dista.
     
    Se guardi a Sud è la Valle del Cosa
    ad Ovest trovi la Valle del Sacco
    tra Lazio e Ciociaria non vi è distacco:
    il Monte Scalambra, vetta imperiosa
     
    veste l'ultima cima d'Appennini
    tra rigidi silenzi a capo chino...
    tra nebbie e dissolvenze del mattino
    qui timidi radun di ciclamini.
                        (Omaggio al Monte Scalambra)

  • 28 marzo 2015 alle ore 9:00
    Cuore di Farfalla

    Leggiadra,
    in sospensione
    afferravi colori di speranza
    porporine  lucenti
    fuse in pulviscolo di stelle.
    Con regale bellezza di un volo
    sostenevi
    cuoremente
    su esili ali
    la sofferenza di tanti.
    Donavi eternità
    ad un esempio d'amore.

    (In Memoria di Martina Murziani-Onlus La Farfalla-Grosseto)

  • 04 marzo 2015 alle ore 9:43
    HAIKU

    Si sveglia Primavera
    arcobaleno
    Refolo di farfalle.

  • 27 gennaio 2015 alle ore 14:08
    Cuore Scarno

    Cuore scarno
    racchiuso nella prigione toracica
    tra esili, fredde ossa
    scandisci battiti di umana speranza.
    Scheletro d'infanzia persa
    occhi immensi
    spalancati alla sofferenza.
    Vivi, nel muto gridare della tua innocenza.
    In luoghi sconosciuti
    hai sacrificato i tuoi capelli
    le tue unghie, la tua vita.
    La tua storia percorre ancora
    strade di ordinaria follia
    abbraccia memorie
    in attesa di un riposo di pace.

          27/01/2015 Giornata della Memoria

  • 17 gennaio 2015 alle ore 13:24
    S.Antonio Abbate (17 Gennaio)

    C'è l'asino, c'è l'oca è 'n rituale:
    la pecora, er conijo, er cane er gatto
    si questa è 'na riunione e nun so matto
    voi vede ch'è 'na festa? E nun è male!
     
    Cor Santo accompagnato dar majale
    Antonio Abbate, poi pijànne  atto
    benedice l'animali, detto fatto
    opre li balli puro ar Carnevale!
     
    Cerveteri fa festa e in processione
    pe' la Boccetta, inzieme ar Sacramento
    li carri vònno la benedizzione.
     
    Tera de Borghi antichi e de Frazzioni
    s'accenne  de colori 'gni momento
    pe' fa' sortì poesia e tradizzioni!
             

  • 05 gennaio 2015 alle ore 11:17
    Li Valori

    Si quell'arbero, co' le fronne ar vento
    t'ariccontasse... de la vita annàta
    der  soriso, dell'aria spenzierata
    che m'arubbò coll'ombra der momento...
     
    Ma er tempo s'annisconne (er paravento)
    tra li ricordi de 'na scampagnata
    la voja de dipigne 'na giornata
    e la pupa da svezzà , l'allattamento
     
    te bruci tutto quanto ma ce credi
    a li valori che t'hanno 'nsegnato
    vai avanti, arzanno su la testa
     
    sercianno strade che nun sempre vedi...
    e co li piedi ignudi sur bagnato
    co' l'anima prezziosa e sempre onesta!

  • 05 gennaio 2015 alle ore 8:29
    La Befana Sfrattata 2015

    'Na vecchina mo gira all'impazzata
    cià li dorcetti pe' li regazzini
    segue la via de li sampietrini
    scènne da la scopa tutta 'ncacchiata
     
    la strada tutt'antratto è sgarupata
    li serci so' ammucchiati, poverini
    Trastevere scoperchia li tombini
    la vecchia, co' la veste rattoppata
     
    cià prescia d'arivà e fa' la bbona
    cià 'na missione cià, e cosa strana
    soride: sta' a penzà a Piazza Navona...
     
    Er cinque de gennaro so' emozioni...
    ma lì c'è er luna parche e gran burriana
    e Roma nun cià più le tradizzioni.

  • 05 ottobre 2014 alle ore 12:55
    Panni Puliti

    Da li lavatoi drento quer cortile
    le voci de le donne, er chiacchiericcio
    er pianto de li pupi pe ‘n capriccio
    le bagnarole co’ li panni a pile.

    Er canto che sortiva assai gentile
    mi’ madre cor sinale bagnaticcio
    ‘na voce a mi’ fratello: -viè qui, Ciccio!-
    Li panni stesi ar ber sole d’Aprile.

    L’artrosi ne le mani, er suo dolore
    L’olio de gomito, pe la fatica
    e quarche vorta puro er batticore

    ma sempre cor soriso che cantava
    co’ la famìa che teneva unita
    e li panni puliti… che vantava.

    Mo ce se làssa pe ‘na liticata
    E lavà… nun è tutta st’ammazzata...

    ( Libera ispirazione tratta da una foto di Quelli cresciuti a Roma negli anni 50-60)

  • 01 ottobre 2014 alle ore 11:29
    Fango

     
    Chiazze di grigi pensieri si estendono
    e nuovi territori si delineano…
    Ricoperte dall’umido fango
    giovani innocenti vite
    pagano il tributo
    all’incoscienza umana,
    quando
    il rispetto per la natura viene meno.
    Artigli melmosi che si allungano,
    afferrano sogni e giochi
    di una festa mai goduta
    per tramutarla nel dolore più grande.
     

     

  • 15 settembre 2014 alle ore 20:12
    Nasone di Borgata

    I piedi scalzi, dentro i zoccoletti
    sul vestitino c’è la mantellina
    all’uncinetto, fatta da mammina
    Un dono di Natale tra i  dolcetti
     
    Fermavi i tuoi capelli con cerchietti
    toccavi l’acqua fresca ed argentina
    giochi e risate la tua medicina
    La povertà, il freddo, i denti stretti…
     
    Con la tua veste larga e un po’ dismessa
    attorno a quel nasone di borgata
    riuscivi sempre a fare una gran festa.
     
    L’era dei sogni, di un mondo migliore
    ora ricordi di mente naufragata
     Del tempo andato, gran compositore.
     
     

  • 04 agosto 2014 alle ore 22:19
    La trippa a la romana (Che ce mettemo?)

    Ce mettemo la trippa e la cipolla
    doppo, un ber pezzo de peperoncino
    se mette tutto a crudo per benino…
    la carota (bada che nun sia molla)
     
    menta romana: foje e no corolla…
    (è ‘a morte sua st’erba cor profumino)
    basilico, sedano, pecorino
    tre chiodi de garofalo… e decolla!
     
    Sale e ojo, poi la metti sur foco
    te caccia l’acqua, quanno ch’è rosolata
    mettice er vino bianco… e nun è poco
     
    falla evaporà, poi quanno se strigne
    ce butti  li pelati e ‘sta magnata
    è ‘n piatto … da scarpetta che poi ‘ntigne!
     
    Libera ispirazione poetica in sonetto romanesco, tratta  da un video de la Sora Lella sulla cucina romana che dice: “Ammazzate che piatti che sapemo fa’ noi, io v’emparo perché li dovete sapé fa’puro voi”

  • 30 luglio 2014 alle ore 23:35
    Non Più

    Non correrò più incontro alla vita
    non sentirò più le tue braccia stringermi
    non ascolterò più le favole…
    Ma tu… raccontami
    Raccontami ugualmente
    di cosa scriverai del dolore
    dell’inutile mia  morte,
    della cattiveria umana
    raccontami, ti prego…
    di me, rimasto bambino
    a correre tra le nuvole
    nei miei tanti “perché” senza risposte….
    Disegnami con la tenerezza del tuo cuore
    per non dimenticare di esserci stato
    mentre  con gli occhi chiusi
    dal  sonno eterno
    sorrido agli angeli.
     
     (Da una libera ispirazione di un disegno di Gianluca Serratore)

  • 14 febbraio 2014 alle ore 11:55
    San Valentino

    Semplicemente una rosa
    vellutata sulle tue labbra
    profumata dalla tua pelle
    per un amore unico
    come lo sei tu.

  • 18 dicembre 2013 alle ore 11:30
    Un Regalo Inaspettato

    C’è un  Presepe nella stanza
    del tuo cuore dolorante
    è un rinnovo la speranza,
     è cometa scintillante.
     
    Bianca neve ed un giaciglio
    un bambino è appena nato
    lì accanto vi è un coniglio
    che lo scalda col suo fiato
     
    Non c’è bue né somarello
    ma simpatico e sincero
    a scaldare il Bambinello
    il leprotto tutto nero
     
    Il regalo è… inaspettato
    che Giuseppe e che Maria
    Tutto avrebbero pensato…
    men che a questa compagnia…
     
    Chi lo spiega ora al buon Dio
    che tu piangi e che stai male
    che vuoi indietro, amore mio
    quel regalo di Natale…
     
    Scende un angelo dal cielo
    ora asciuga le tue gote
    v’è un  messaggio sul suo velo
    “avrà un prato di carote”.
     

  • 27 ottobre 2013 alle ore 17:17
    Io resto accanto a lui

    Io... resto accanto a lui,
    freddo o pioggia...
    io resto accanto a lui.
    Lui non mi abbandona mai.
    Ci attraversano
    attimi di vita insieme
    sguardi curiosi
    a volte indifferenti
    passi affrettati…
    Il suono di una monetina
    scalda lo stomaco.
    Il corpo, immobile, intirizzito
    impregnato di rassegnazione…
    Mi tende la mano…
    Gli do la zampa…
    Io… resto accanto a lui.
    Mi da’ la zampa
    la stringo nella mano…
    Io… resto accanto a lui.
     

  • 14 settembre 2013 alle ore 16:40
    Il Pianto del Mare

    Non ti libererai così facilmente di lei…
    Lei ci sarà, per generazioni e generazioni
    a ricordare la tua follia.
    Indistruttibile, seminerà terrore e morte
    si confonderà tra meduse e coralli
    mi cavalcherà in onde di plastica
    diverrà cibo avariato di una tartaruga che muore.
    Grazie al tuo vivere male globale
    stai uccidendo anche me
    oramai… mare di lacrime.

  • 09 agosto 2013 alle ore 11:34
    Batuffoli di Nuvole

    Ho imbottito il tuo cuscino
    Di batuffoli di nuvole
    Per farti sognare il cielo…
    Ho dipinto la cornice ai tuoi sogni
    con l’oro delle stelle
    per renderli più lucenti.
    Ho colmato la stanza dei tuoi desideri
    di bianca schiuma di mare
    per farvi scivolare i miei baci.
    Ho celato, dietro uno spicchio di luna
    Il mio  sottile  amore…
    Ma so che ti desterai nell’aurora
    di ogni nuovo giorno,
    al pensiero di me.
     

  • 09 agosto 2013 alle ore 11:32
    Batuffoli di Nuvole

    Ho imbottito il tuo cuscino
    Di batuffoli di nuvole
    Per farti sognare il cielo…
    Ho dipinto la cornice ai tuoi sogni
    con l’oro delle stelle
    per renderli più lucenti.
    Ho colmato la stanza dei tuoi desideri
    di bianca schiuma di mare
    per farvi scivolare i miei baci.
    Ho celato, dietro uno spicchio di luna
    Il mio  sottile  amore…
    Ma so che ti desterai nell’aurora
    di ogni nuovo giorno,
    al pensiero di me.
     

  • 24 luglio 2013 alle ore 13:58
    Sacro Monte

    Tra i nove Sacri Monti del Piemonte,
    tra i territori della Lombardia
    il Sacro Monte di Varese, sia
    quella visione che ti sta di fronte…
     
    Quel Patrimonio per l’umana fonte
    compreso dall’UNESCO, che poesia!
    Reca a Varese un tocco di magia
    nel Santuario che gli fa da ponte.
     
    Un Parco naturale e le Cappelle
    coi tanti misteri del Rosario
    antiche nicchie con le Madonnelle
     
    Santa Maria che stringe il Bambinello
    tanti pellegrini, fede e Calvario
    tra il verde ti sorride il borgo bello.
     
    Dedicata al Sacro Monte di Varese, Ispirazione tratta da una foto del luogo, eseguita a quattro mani da Giovanna De Luca e RosaC

  • 08 luglio 2013 alle ore 13:02
    Un Filo d'Erba

    Un Filo d’Erba

    Ti svegli, già bagnata
    asciughi al primo sole
    la goccia di rugiada…
    Sei un filo, tra le aiuole.

    Tra malva e margherite
    oscilli, verde e fiera
    tra primule fiorite
    in gaia primavera.

    Il vento ti accarezza,
    le corse di un bambino
    un piede che ti spezza,
    la fine in un mattino.

    Accade tutto in fretta
    la vita non conserva
    travolge e va diretta…
    anche su… un filo d’erba.

    Fiorella Cappelli ©
    Tratta da: Libera ispirazione su di un commento inerente alla poesia, di Franco Cimarelli.